Crea sito

Un Covo Di Vipere

buon romanzo giallo ambientato in sicilia

Andrea Camilleri

Un Covo Di Vipere

Edizione: Sellerio – 2013

Collana: La Memoria

Prima Edizione: Sellerio – 2013
Pagine: 608

 

Un covo di vipere” di Andrea Camilleri, il ventunesimo libro del commissario Montalbano e pubblicato alla fine di maggio, è stato in realtà scritto nel 2008, come riporta Camilleri nella nota finale del testo letterario. Essendo troppo vicino alla pubblicazione di “La luna di carta” del 2004, la casa editrice Sellerio ha preferito mantenerlo congelato nei suoi archivi fino ad oggi. Senza questa premessa, “Un covo di vipere” è uno dei romanzi in cui Camilleri dà il meglio di sé, scritto con mano felice quando la creatività prende e sorprende lo scrittore.

La storia trattata è scabrosa, ma l’autore sa come trattarla con estrema delicatezza e trasfigurarla in una sorta di tragedia greca. L’omicidio del ragioniere Cosimo Barletta apre scenari oscuri e inquietanti. La vittima, uccisa due volte da due ipotetici assassini, è un essere fuori limite, ripugnante, dal fondo dell’anima sordida e amorale: uomo d’affari senza scrupoli, usuraio, amante compulsivo di giovani donne ricattate o comprate da denaro vile. In questo particolare caso della polizia, la bassezza, la vergogna, le lettere allusive e misteriose, rivelano aspetti non confessati dell’anima umana, colpa oscura, equilibrio disordinato, sesso e perversioni oltre ogni limite morale. Montalbano, insieme al suo staff investigativo Augello e Fazio, procede con indizi e deduzioni, scavando nella vita pubblica e privata di Barletta. Il movente dell’omicidio assume sfaccettature sempre più complesse, non solo di vendetta, di interesse, ma di qualcosa di sotterraneo, indecifrabile e indicibile, che prende forma e si avvicina a quella verità inconfessabile che dà loro le vertigini.

Il commissario Montalbano è investito di un senso di modestia di fronte a certi sentimenti atavici che vengono ripudiati perché repellenti, ma immersi nell’inconscio di molti. La sua educazione sentimentale, nutrita da letture e storie cinematografiche, gli ha insegnato comprensione e compassione. Non emette giudizi, ciò che si potrebbe chiamare ignoranza inumana potrebbe essere definito come amore, se non come altrimenti? Montalbano nei suoi soliloqui, quando l’indagine tocca i suoi accordi più intimi o graffia la sua personalità, sente la sua alterità nel procedere secondo una giustizia codificata o umana che si flette e si piega secondo il contesto in cui deve agire e agisce come meglio crede, chiudendo il caso tragico con dolore compassionevole. L’intento è di proteggere la dignità umana quando è offesa oltre le intenzioni.

 

Puoi trovare questa e altre edizioni del libro anche su:

prezzo mondadoriprezzo feltrinelliprezzo libraccioprezzo ibsprezzo amazonprezzo libreria universitariaprezzo ebay
€11.90 (-15%)€9.80 (-30%)€14.00€11.90 (-15%)da €11.90€13.16 (-6%)da €2.00
ajax-loader